Insieme con alluminio e vetro, l’acciaio è uno dei materiali più riciclati al mondo: le sue proprietà rendono la sua durata potenzialmente infinita. Con i giusti processi è infatti possibile riutilizzarlo senza problemi. Ed è uno dei motivi per cui gli stabilimenti di Riva Acciaio possono rientrare a pieno titolo in un percorso di sviluppo sostenibile. L’acciaio è una lega che di base è costituita da ferro e da carbonio e viene considerata una risorsa indispensabile nel principio dell’economia circolare. L’azienda, leader del settore siderurgico in Italia e in Europa, ha deciso di utilizzare esclusivamente forni elettrici, alimentandoli con rottami riciclati definiti end of waste conformi al Regolamento Europeo 333/2011: il risultato è la produzione di un acciaio che può essere considerato essenzialmente alla stregua di un prodotto “green”. Questa particolare modalità rientra in una politica ben precisa nei confronti della tutela dell’ambiente. Gli stabilimenti del Gruppo individuano costantemente le “migliori tecniche disponibili” (BAT) per prevenire e ridurre i rischi di inquinamento; il rispetto di standard di sicurezza nazionali ed europei viene infine certificato periodicamente da enti terzi e indipendenti. Da sempre dunque Riva Acciaio, anche grazie ai continui investimenti in ricerca e sviluppo, attua un piano di prevenzione ambientale estremamente rigido ed efficace, dimostrando che la siderurgia può essere sostenibile.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 4.2/5 (5 votes cast)
Siderurgia e ambiente: il contributo di Riva Acciaio, 4.2 out of 5 based on 5 ratings
Categories: Ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*