Stiamo vivendo un momento di transizione verso un sistema energetico nazionale e internazionale sempre più decarbonizzato e sostenibile. È puntando su competenze, innovazione e digitalizzazione che Terna vuole raggiungere tale obiettivo. Come leader e punto di riferimento italiano, la società guidata dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale Luigi Ferraris si sta impegnando intensamente per garantire sicurezza e qualità a tutti gli utenti della rete, sfruttando il grande potere delle fonti di energia rinnovabile per preservare l’integrità del territorio e generare benefici ai propri stakeholder. In questo percorso verso la sostenibilità, si inserisce perfettamente il lancio di un nuovo green bond per 500 milioni di euro, destinato a investitori internazionali. Di conseguenza, sarà possibile finanziare vari tipi di progetti “green”, volti alla tutela delle risorse a disposizione e alla valorizzazione dei territori, impattando il meno possibile sull’ecosistema: dal trattamento dell’acqua e dei rifiuti, iniziative legate alla prevenzione e controllo dell’inquinamento fino alle infrastrutture per i trasporti, quali le ferrovie centrali eoliche. Il green bond ha una durata di 7 anni con scadenza aprile 2026 e al fine di agevolare la trasparenza e la qualità dei bond emessi, Terna ha predisposto e pubblicato un “Green Bond Framework”. Il lancio ha riscosso grande successo sul mercato, tanto che ha avuto richiesta di circa 7 volte l’offerta e conferma quanto la sostenibilità sia una leva strategica per il Gruppo guidato da Luigi Ferraris. Ma non solo, ormai si tratta di una necessità, volta a migliorare il grado di accettazione degli investimenti infrastrutturali da parte dei territori coinvolti. È bene ricordare, che grazie al proprio impegno e alle azioni concrete, Terna si è confermata un’eccellenza italiana, guadagnandosi la presenza nel Dow Jones Sustainability Index per il decimo anno consecutivo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Luigi Ferraris: Terna guida la transizione energetica. Lanciato un green bond per 500 milioni, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*