Prosegue la collaborazione tra WWF e IKEA: la partnership volta ad accelerare l’azione per migliorare la biodiversità è stata rinnovata fino al 2025. Le due realtà cooperano a livello internazionale da quasi vent’anni in 17 Paesi in tutto il mondo con l’obiettivo di proteggere e migliorare la gestione delle foreste, lottare contro il disboscamento illegale, ridurre l’uso di acqua e pesticidi e migliorare i mezzi di sussistenza nelle coltivazioni di cotone.  

Il Living Planet Index globale (LPI) 2020 evidenzia un decremento medio del 68% delle popolazioni monitorate di mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e pesci tra il 1970 e il 2016. Le tendenze delle popolazioni delle specie sono importanti perché rappresentano una misura dello stato di salute generale degli ecosistemi”. Per tale ragione WWF e IKEA si impegnano a proteggere, gestire e ripristinare i principali paesaggi, migliorare la biodiversità e consentire una catena del valore positiva per l’ambiente e il clima. 

C’è un urgente bisogno di proteggere attivamente la biodiversità – ha affermato Lena Pripp Kovac, Chief Sustainability Officer di Inter IKEA Group – Arrestare la deforestazione e la conversione degli habitat naturali, nonché ripristinare i paesaggi degradati è fondamentale per affrontare la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico. Attraverso gli sforzi congiunti di WWF e IKEA, miriamo a influenzare e ispirare pratiche commerciali più sostenibili e a garantire la conservazione e la gestione delle risorse che altrimenti non sarebbero possibili“. 

Nei prossimi 5 anni l’operato delle due realtà si concentrerà principalmente nel: testare, implementare, e promuovere l’approccio paesaggistico per migliorare la biodiversità locale nelle foreste russe; conservare gli habitat delle specie principali e migliorare la capacità di recupero delle foreste tropicali nel sud-est asiatico nei confronti dei cambiamenti climatici; promuovere la gestione dell’acqua migliorando i bacini idrici in Turchia, Pakistan e India con interventi basati sull’utilizzo delle nuove tecnologie e infine, ridurre le emissioni di gas a effetto serra attraverso l’uso di pratiche agricole intelligenti.  

Ci aspetta un decennio decisivo – ha dichiarato Marco Lambertini, Direttore Generale del WWF International – Il 2030 è l’anno entro il quale dobbiamo essere in linea con il percorso di decarbonizzazione e invertire la perdita di natura per creare un futuro sano e sicuro per le persone e il pianeta. I prossimi dieci anni possono e devono metterci nella giusta direzione verso un’economia equa, zero net e positiva per la natura. Siamo orgogliosi di continuare la nostra partnership con IKEA, unendo le forze per ottenere un maggiore impatto sul campo, aiutare a diffondere pratiche sostenibili e influenzare positivamente gli stakeholder, le imprese e i decision maker“.  

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*